Due maestri da riscoprire

Il biues di Champion Jack Dupree e Otis Spann in due ristampe

Articolo
jazz

Quale periodo migliore dell'estate per riscoprire qualche "gigante" della musica africano americana, magari sottovalutato o dimenticato?
Cogliamo l'occasione di un paio di ristampe per segnalarvi due veri maestri del pianoforte blues come Champion Jack Dupree e Otis Spann.

Nato a New Orleans, maestro di pianismo barrelhouse, attivo sulla scena di Chicago e dopo anche in Europa, Champion Jack Dupree è stato un ottimo esempio di bluesman "moderno", in grado di conciliare le radici con uno storytelling più adatto ai tempi, come dimostra il suo disco più celebrato, quel Blues From The Gutter ora ristampato in abbinata con Natural & Soulful Blues in un cd Souljam (distribuzione Egea).

Registrato alla fine degli anni Cinquanta a New York, Blues From The Gutter si avvale della presenza della chitarra di Larry Dale, mentre il secondo disco testimonia l'incontro londinese con un altro grandissimo della sei corde, Alexis Corner. Quasi un'ora e venti di grande livello.



Ottime vibrazioni anche con Otis Spann, re del pianismo blues chicagoano (ma era di Jackson, Mississippi) e celebre per la collaborazione con Muddy Waters.

The Hard Way (sempre Souljam, distr. Egea) raccoglie in due cd le registrazioni effettuate a New York nell'estate del 1960 e prodotte da Nat Hentoff per la Candid. Oltre a Spann compare anche la chitarra di Robert Lockwood Jr. e il magistero di Spann sia al pianoforte che nell'inflessione vocale è davvero contagioso per tutti gli oltre trenta brani della raccolta.



Meraviglia estiva e non solo.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

jazz

Inner Sounds: un libro e un disco per fare il punto sulla carriera del sassofonista veneziano

jazz

Lo stato dell'arte della fotografia jazz in Italia, il mestiere di fotografo oggi: un'intervista a Luciano Rossetti

jazz

Intervista ai Roots Magic, freschi del secondo disco (Last Kind Words) per Clean Feed