Dark Tree delle meraviglie

Riscoprire John Carter & Bobby Bradford in un inedito da non perdere pubblicato dalla label francese

Articolo
jazz

Prende il nome da uno dei temi più intensi composti dal pianista Horace Tapscott, l'etichetta The Dark Tree ideata dal francese Bertrand Gastaut. Grande appassionato di musica afro-americana e improvvisazione, Gastaut è stato dapprima attivo come organizzatori di concerti "casalinghi" (formula che incontra sempre più successo, sia per motivi di tipo economico che per la insostituibile intimità dell'esperienza, ideale per vivere al meglio questi linguaggi) e ha poi dato vita all'etichetta, che ora pubblica una chicca che gli appassionati certamente non si lasceranno sfuggire.

Si tratta di No U-Turn - Live At Pasadena 1975 del quintetto di John Carter & Bobby Bradford, uno dei sodalizi più intensi della stagione d'avanguardia West-Coast.
Un disco importante per diversi motivi, che vanno dalla circostanza che si tratta di una testimonianza di un periodo assai poco documentato della carriera dei due musicisti assieme, di un periodo in cui Carter alternava il sax soprano al clarinetto (gli ultimi, stellari, anni lo vedranno invece solo clarinettista) ed è anche una delle prime registrazioni dal vivo della collaborazione tra i due musicisti.



Soprattutto, si tratta di un disco bellissimo, vibrante, in cui la musica del quintetto (oltre a Carter a soprano e clarinetto e a Bradford alla cornetta, ci sono due contrabbassisti, Roberto Miranda e Stanley Carter e la batteria di William Jeffrey) è una continua avventura che profuma di obliquità alla Ornette Coleman, di radici pronte a essere reinventate (Carter "formalizzerà" questo nel suo meraviglioso polittico Roots and Folklore), di urgenze che colpiscono ancora oggi a quarant'anni di distanza.
Bello anche il libretto che accompagna il disco, impreziosito da diverse fotografie. Da avere!





A chi volesse poi conoscere meglio l'etichetta, consigliamo anche The Bill Has Been Paid, intenso duetto tra il poeta Steve Dalachinsky e il contrabbasso di Joelle Léandre e Sens Radiants, lungo flusso improvvisativo - registrato dal vivo al festival Écouter pour l'Instant - del trio composto dal baritonista Daunik Lazro con il contrabbasso di Benjamin Duboc e la batteria di Didier Lasserre, un lavoro di intimità timbrica che premia appieno lo sforzo necessario al'ascolto.
Un assaggio delle meraviglie dell'etichetta si trova su Bandcamp.

(Foto di Mark Weber)

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

jazz

Lo stato dell'arte della fotografia jazz in Italia, il mestiere di fotografo oggi: un'intervista a Luciano Rossetti

jazz

Intervista ai Roots Magic, freschi del secondo disco (Last Kind Words) per Clean Feed

jazz

Narrazioni Jazz licenzia il direttore artistico Stefano Zenni: un progetto nato male