Ciclo di canzoni

La norvegese Jenny Hval mette in musica un tabù: le mestruazioni

Articolo
pop

Jenny Hval
Blood Bitch
Sacred Bones

L’argomento rimane scabroso: lo ricordava mesi fa un servizio da prima pagina di “Internazionale”. Porlo al centro di un’opera discografica è dunque un atto che richiede audacia. Così ha fatto Jenny Hval, trentaseienne cantante e compositrice in bilico fra l’avanguardia e il pop sperimentale, un po’ Laurie Anderson e un po’ Björk. Non è esattamente come dice lei al telefono, rispondendo a una collaboratrice che le domandava quale fosse il tema conduttore dell’album (conversazione posta in apertura del brano “The Great Undressing”): «Sono i vampiri».



Sì, d’accordo, uno degli episodi più avvincenti della raccolta è il diafano madrigale elettronico intitolato appunto “Female Vampire”. Si tratta però di un riflesso simbolico del vero fulcro narrativo del lavoro: le mestruazioni. Nelle parole dell’interessata: «Il sangue più puro e potente che ci sia, ma anche il più triviale e terrificante».

“Non spaventarti, è solo sangue”, canta in “Period Piece”: altro brillante esempio del suo approccio avant-pop alla materia musicale. Esibendo acume e grazia, l’artista norvegese usa la forza metaforica del soggetto per esplorare la sensibilità femminile e la relazione con il sesso opposto, avendo per sua stessa ammissione quale fonte d’ispirazione – da quest’ultimo punto di vista – il romanzo epistolare I Love Dick della statunitense Chris Kraus (mai tradotto in Italia). In alcuni momenti l’effetto è ammaliante, fra slanci emotivi (“Conceptual Romance”) e languori introspettivi (“Secret Touch”), e in altri inquietante, come accade durante “The Plague”, mosaico sonoro a base di tabla digitalizzate e urla da possessione. Ingegnoso nella forma e temerario nel contenuto, Blood Bitch è un disco destinato a non passare inosservato: prova ne sia la copertina appena dedicata all’autrice dal periodico “The Wire”, che la colloca – citando Nietzsche – «al di là del bene e del male». Alberto Campo

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

pop

Gli ultimi tre anni della vita di Nico nel lungometraggio di Susanna Nicchiarelli, vincitore nella sezione “Orizzonti” all’ultimo Festival di Venezia

pop

L’eco dell’ultimo decennio del Novecento si riverbera nei nuovi lavori di Cristina Donà, Mauro Ermanno Giovanardi e Cesare Malfatti

pop

La morte del bassista dei Can, e la sua influenza sulla musica pop del secondo Novecento