The Caretaker, memorie musicali in dissolvenza

Il primo atto dell’ambizioso progetto sulla memoria del britannico James Leyland Kirby

Articolo
oltre

The Caretaker
Everywhere at the End of Time (Stage 1)
History Always Favours The Winners

La storia era cominciata 17 anni fa, sotto la dichiarata suggestione del Custode – The Caretaker appunto – interpretato in Shining da Jack Nicholson, riferendosi in particolare alla sequenza conclusiva, ambientata nel salone delle feste dell’Overlook Hotel. James Leyland Kirby, eccentrico produttore avant-garde inglese già attivo con lo pseudonimo V/VM, pubblicò allora un album intitolato appropriatamente Selected Memories from the Haunted Ballroom: primo atto di un percorso rappresentato da altri sette, tra cui – nel 2011 – il magnifico An Empty Bliss Beyond This World.

Di che si tratta, è presto detto: musiche d’epoca – quelle della scena citata del film di Kubrick – restituite al presente come ricordi deformati. Kirby riproduce dischi a 78 giri di quei tempi, in genere di jazz orchestrale, senza nasconderne fruscii e scricchiolii, eventualmente tagliandone e cucendone, o isolandone, porzioni. L’effetto è straniante. A maggior ragione se si considera il concept che sottende il progetto: una ricognizione sull’idea stessa di memoria e dei modi nei quali essa subisce le ingiurie dell’invecchiamento.

L’album del 2005, quarto della serie, si concentrava ad esempio sull’amnesia anterograda, laddove An Empty Bliss… era ispirato invece alle conseguenze dell’Alzheimer. Il nuovo lavoro costituisce il capitolo iniziale di un ciclo di sei in cui culmina l’impresa: l’intenzione è di documentare gli stadi progressivi della demenza, sino alla morte (che nel caso specifico corrisponde alla soppressione dell’alter ego dell’autore). Con cadenza semestrale, di qui al marzo 2019, arriveranno i cinque episodi successivi (chi acquista questo si abbona all’intero pacchetto: vedete su thecaretaker.bandcamp.com).

Coerentemente a tali premesse, la “prima fase” di Everywhere at the End of Time offre un repertorio musicale fatto di originali in definitiva integri, benché in “bassa fedeltà”, come sono le reminiscenze quando ancora la malattia degenerativa non si è manifestata compiutamente. Kirby lo descrive così: “Il sogno a occhi aperti di una persona anziana”.

Nell’insieme, tanto è ambiziosa, l’opera meriterebbe ovviamente rispetto e attenzione, tuttavia anche l’ascoltatore distratto potrà trarne beneficio: difficile trovare un migliore arredo sonoro da mettersi in casa.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

oltre

Intervista con il compositore Andrea Valle, a partire dal recente disco Ultraxy, per Solitunes

oltre

Life-Size-Acts, una mostra-installazione a Palazzo Litta a Milano con le musiche di DJ Spooky, dal 4 all'11 novembre

oltre

Intervista a Filippo Paolini, alias Økapi, maestro italiano del saccheggio sonoro e del cut-up