Barbieri di qualità

Dario Muci e il secondo capitolo dedicato ai suoni della barberia salentina

Articolo
world

Dario Muci
Barberia e Canti del Salento vol. II
AnimaMundi (cd dvd)

I negozi di barberia (un po' come quelli dei sarti) hanno svolto un ruolo di “presidio culturale” nel nostro Meridione, sul quale da non molto stanno riflettendo e studiando musicologi attenti al nostro panorama etnografico, e anche chi cerca gli elementi costitutivi delle note afroamericane, nate da impollinazioni incrociate dei più diversi stimoli sonori.



I barbieri erano molto spesso anche musicisti piuttosto alfabetizzati e avevano un ruolo di indirizzo, informazione e divulgazione decisivo nei confronti di chi non aveva altra occasione per avvicinarsi alle musiche per la danza, la festa, la gioia di stare assieme. Ed erano i maestri concertatori di altre, importanti occasioni sociali: coloro che sapevano “fare le serenate”. Oltretutto, come ben precisa in nota Maurizio Agamennone, la barberia non aveva neppure l'ovvio “stigma” dell'osteria, dove la musica si legava al consumo smodato d'alcol da parte maschile. Ben venga allora questa preziosa iniziativa curata da AnimaMundi, che in confezione digipack assai curata anche graficamente ci riporta elementi di spicco di questa tradizione “underground”.

La musica nata nelle barberie, già affrontata da Dario Muci in un precedente capitolo discografico (Rutulì, Lupo Editore 2013), è storia antica noto soprattutto nella zona brindisana e barese, meno nel Salento, dove la rinascenza “popular” della pizzica ha messo un po' in ombra le altre tradizioni, nella fattispecie questa, molto legata, anche, ai balli di coppia come polke, valzer, mazurke che arrivavano dal centro Europa. Muci, musicista raffinato e colto, allievo del maestro Luigi Stifani, il più noto “informatore” sul tarantismo pugliese, ha scelto di collaborare con Antonio Calsolaro per gli arrangiamenti, in quanto oggi maggior rappresentante vivente della “musica da barberia” pugliese. Però, sia chiaro, nel disco compaiono anche spezzoni sonori e note non direttamente afferenti alla tradizione della barberia, raccolte da Muci nei repertori meno frequentati dai cantori del folk revival. Ed è un bel gioco di contrasti. Foltissima la pletora di ospiti musicisti, accanto al gruppo d'eccellenza attorno a Muci e Calsolaro, peraltro anche mandolinista virtuoso.



S’è fatta anche la scelta di aggiungere alla sola raccolta di musiche un dvd, La musica delle Barberie, realizzato sul tema dal giovane regista Mattia Soranzo.  

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

world

Contro canto (Donzelli) è il libro di Antonio Fanelli sulla storia del canto sociale in Italia, da Spartacus Picenus al rap

world

Quarta e ultima puntata del tour estivo dei Kalàscima, in collaborazione con Puglia Sounds

world

Paolo Lucà racconta la nuova stagione: si parte con concerto speciale di Vinicio Capossela