Afa in levare

Il world-dub di Valerio Corzani e Stefano Saletti in Caracas

Articolo
world

Valerio Corzani e Stefano Saletti
Caracas
Materiali Sonori

È luglio inoltrato, i dischi nuovi scarseggiano, e con il caldo l'idea di mettersi le cuffie per ascoltare il poco che arriva è tutto fuorché allettante. Questo Caracas è un buon rimedio per chi è rimasto in città: un disco da afa estiva come pochi ce ne sono, con la sua sorniona attitude downtempo. Lo firmano Valerio Corzani e Stefano Saletti: il primo è voce fissa di Radio Tre, come bassista e musicista ha incrociato le strade dei primi Mau Mau, e si è fatto vedere in numerosi progetti (Gli Ex, Mazapegul, recentemente Interiors con Erica Scherl). Il secondo, esperto di strumenti a plettro e suoni mediterranei, è partito con i Novalia, ha fondato la Piccola Banda Ikona (recuperate il recente Folkpolitik se già non lo possedete) e scritto per cinema e teatro.



Caracas è una specie di divertissement-omaggio al ritmo in levare, declinato e ripensato in scenari sonori e geografici sempre diversi: torrido world-dub, mediterraneo-dub, desert-dub, reggae con bouzouki, oud e marranzano, con qualche rinfrescante spruzzo di elettronica. Brillano: la traccia di apertura, "El Presidente", che suona come un omaggio ai beat à la Manu Chao epoca "Bongo bong"; la malinconica e cinematografica "Doped Sunset"; il divertissement nel divertissement di "Habibi", uno dei pochi brani "cantati"; e la conclusiva "La sonrisa de Dios", con un tema di bouzouki che si appiccica alla pelle e non se ne va più.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

world

Un libro a cura di Pasquale Scialò e Francesca Seller documenta i canti penitenziali dei Battenti di Minori 

world

La musica da ballo romagnola sta tornando? Se n'era mai andata? Una conversazione con Riccarda Casadei (e 5 brani per riscoprire Secondo)

world

Escono in contemporanea gli album nuovi di Femi e Seun Kuti, figli del profeta dell’afrobeat