Addio a Sunny Murray: un ricordo del batterista

La morte di Sunny Murray, batterista tra i più originali e influenti nella storia della musica afroamericana e dell’improvvisazione

La morte di Sunny Murray
Articolo
jazz

Sebbene non clamorosamente come il luttuoso 2016, anche il 2017 ha portato con sé un notevole carico di musicisti che ci hanno lasciato. A poche settimane dalla fine dell’anno si è aggiunta alla lista la morte – all'età di 81 anni – di Sunny Murray, batterista tra i più originali e influenti nella storia della musica afroamericana e dell’improvvisazione.

Storico compagno di avventure di Cecil Taylor e di Albert Ayler, ma anche significativo come leader dalla fine degli anni Sessanta, quando prende parte attiva al fermento della new thing a Parigi, città nella quale deciderà di fermarsi.

Si suole dire, sintetizzando, che Sunny Murray sia stato, insieme a Milford Graves, tra i primi e più influenti batteristi a svincolare lo strumento da un ruolo essenzialmente ritmico per esplorare piuttosto gli aspetti timbrici e la tessitura della batteria. Questa sintesi coglie certamente un aspetto evidente del segno espressivo del musicista di Philadelphia (città in cui era nato nel 1936), ma rischia a volte di banalizzare la reale consistenza del pensiero di Murray.

Se è vero infatti che i “puristi” hanno spesso denigrato il lavoro di Murray secondo l’assunto per il quale it don’t mean a thing if he ain’t got THAT swing (e il fatto che io abbia scritto in maiuscolo quel “that” sta a sottolineare quanto ogni generazione abbia voluto piegare questa affermazione ellingtoniana al proprio concetto di cosa questo “that” fosse), in realtà le architetture soniche del batterista – pienamente inserite nella temperie della libertà da parametri dati, tipica di quegli anni – sono sempre dotate di una propria pulsione dinamica e coloristica che diventa fortemente strutturale.

Ricordiamo Sunny Murray nelle classiche incisioni con Taylor e Ayler, come At The Café Montmartre, o a Spiritual Unity di Albert Ayler...

... ma anche nel Drum Workshop  con Elvin Jones e Art Blakey, a fianco di Archie Shepp e in tante incisioni a proprio nome, anche negli anni ’90 e primi 2000. Facilmente rintracciabili su YouTube sono ad esempio: l’omonimo Sunny Murray per la ESP; alcuni classici del periodo BYG, come Sunshine e An Even Break; e il bellissimo e più recente Perles Noires della Eremite.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

jazz

Esce per CAMJazz il debutto di Pipe Dream, il progetto di Zeno De Rossi, Filippo Vignato, Pasquale Mirra, Giorgio Pacorig e Hank Roberts: l'intervista

jazz

La morte della regina del soul a 76 anni, dopo una lunga malattia: la sua storia in 10 brani

jazz

Una (doppia) playlist estiva con le 20 novità jazz più interessanti dei mesi estivi, tutte da ascoltare